Tra magia e sogno, luoghi di rara bellezza, colori, suggestioni e tradizioni che hanno ispirato artisti e poeti di tutto il mondo. Come non lasciarsi rapire dalla visione di scenari unici, una costa frastagliata ricca di storia e leggende. Calette nascoste visibili solo dal mare. Di seguito uno degli itinerari suggeriti dal nostro crew.

 

IL CLIMA

In queste località il clima è sempre mite. Le temperature non scendono quasi mai al di sotto degli 8/10 gradi. Il periodo primaverile e quello estivo fino al mese di ottobre inoltrato risultano essere i periodi migliori per la navigazione.

SAPRI
GROTTA DEGLI INFRESCHI
MARINA DI
CAMEROTA
GROTTA
GRANDE
CAPO PALINURO
CAPRI
ISCHIA
PROCIDA
Golfo di Napoli
SORRENTO
SALERNO
NAPOLI
POMPEI
AGROPOLI
Parco Nazionale del Cilento
Vesuvio
POSITANO
MAIORI
RAVELLO
PRAIANO
CASTELLAMARE DI STABIA
TORRE ANNUNZIATA
Golfo di Salerno
PUNTA LICOSA
GROTTA AZZURRA
VIETRI
CETARA
MINORI
AMALFI
CONCA DEI MARINI
MARINA DEL CANTONE
NERANO

AMALFI COAST & CAPRI

Marina D'Arechi - Salerno

Soleanis Base Port

40° 38.740'  N 

14° 48.645'  E

1/8

La costiera amalfitana, magicamente sospesa tra il cielo azzurro ed il mare blu cobalto, è uno dei 50 siti italiani inseriti dall'UNESCO nella World Heritage List. Situata a sud della penisola sorrentina, si affacciata sul mar Tirreno e sul Golfo di Salerno, delimitata a ovest da Positano e a est da Vietri sul Mare. Prende il nome dalla città di Amalfi ed è un tratto di costa famoso in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica, un ambiente unico in quanto perfetto esempio di paesaggio mediterraneo, con uno scenario di grandissimo valore culturale e naturale, dovuto alle sue caratteristiche topografiche e alla sua evoluzione storica. In questo tratto di costa vi è un susseguirsi continuo di promontori ed insenature, baie e fiordi, intervallati da spiagge ciottolose e scogli su cui si ergono torri di avvistamento normanne, testimonianza della difesa delle popolazioni locali contro gli attacchi saraceni.

Dal mare si passa direttamente alla montagna, i cui crinali sono stati "terrazzati" nel corso dei secoli e coltivati ad agrumi, viti e ulivi. I 'giardini' terrazzati per la coltivazione degli agrumi costituiscono l'impareggiabile caratteristica del sito. I limoni della costiera Amalfitana sono di una qualità dolce, poco agra e di sapore rotondo, che viene detta 'pane', in quanto si può gustare a fette, come dessert, oltre ad essere utilizzato per produrre il celebre 'limoncello', un liquore aromaticissimo, dal colore giallo chiaro e dallo stupendo profumo di limone. 

La costiera amalfitana si estende per 11.231 ettari e comprende 16 Comuni della provincia di Salerno, un rincorrersi di paesini incastonati nella roccia, collegati tra loro dalla panoramica SS.163, costruita in epoca borbonica nella prima metà del XIX secolo e da sempre considerata una delle strade più belle d'Italia. Tra i luoghi più famosi: 

Amalfi, la cittadina che dà il nome alla Costiera, ricca di storia e cultura, fu la prima delle quattro Repubbliche Marinare e per lungo tempo detenne il monopolio dei traffici commerciali con l'Oriente. Il Duomo di Sant'Andrea, con la scenografica scalinata, il campanile in stile arabo-normanno ed il suggestivo Chiostro del Paradiso è tra i monumenti più visitati della costiera. 


Atrani, il più piccolo comune d'Europa, con le chiese di San Salvatore del Birecto e di Santa Maria Maddalena, si apre ad anfiteatro naturale verso il mare, offrendo al visitatore scorci suggestivi e pittoreschi.


Cetara, piccolo borgo di pescatori, specializzato nella pesca di alici e tonni, famoso per la realizzazione di pietanze culinarie particolarmente apprezzate, come la colatura di alici. 


Conca dei Marini, con la Grotta dello Smeraldo di rara bellezza, è il paese della sfogliatella Santa Rosa, realizzata per la prima volta, secondo la tradizione, nel monastero di Santa Rosa, aggrappato alle pareti scoscese di uno sperone roccioso. 


Furore, con il suo famoso fiordo, scavato nel corso dei secoli dal torrente Schiato, conosciuto anche come il "paese dipinto", per i bei murales artistici "en plein air".


Maiori, con la sua larga spiaggia, la Collegiata di Santa Maria a mare e il Castello di San Nicola de Thoro Plano. Conosciuta come l'antica Reghinna Major, divenne nel secondo dopoguerra, l'ambientazione preferita del regista neorealista Roberto Rossellini. 


Minori, l'antica Reghinna Minor, residenza estiva dei Romani, vanta un'antica tradizione nella produzione di pasta artigianale. Circondata da lussureggianti giardini terrazzati, il piccolo paese vanta tesori architettonici di rara fattura, come i resti della villa archeologica marittima romana, risalente al I secolo d.C., la Basilica di Santa Trofimena. 


Positano, la perla della Costiera Amalfitana, mondana e modaiola, una delle località più conosciute, luogo di villeggiatura fin dall'epoca dell'impero romano, con le sue bianche case degradanti verso il mare, i suoi piccoli corsi ricchi di botteghe dove poter acquistare prodotti dell'artigianato locale e le tantissime "scalinatelle" che dall'alto del paese giungono in basso. Apprezzata da artisti e personaggi del jet-set sin dal primo dopoguerra, la cittadina è famosa per la produzione artigianale di sandali in cuoio e vestiti in cotone e lino (c.d. moda Positano), per i bei palazzi otto-novecenteschi ed i paesaggi da cartolina con lo sfondo della cupola maiolicata della Chiesa dell'Assunta e le isole Li Galli.


Praiano, dove i Dogi di Amalfi trascorrevano l'estate, con le chiese di San Luca e San Gennaro e i relativi Belvedere, il paese in cui si respira un'atmosfera autentica e genuina, lontana dal turismo di massa.


Ravello, la città della musica, incanto della Costiera per la bellezza del Duomo, l'eleganza delle prestigiose Villa Cimbrone e Villa Rufolo e l'Auditorium Oscar Niemeyer; adagiato a 350 metri di quota. Buen retiro di personaggi del jet-set, è sede di uno dei più antichi festival musicali italiani, il Ravello Festival, che propone ogni anno un tema nuovo che abbraccia tutte le discipline artistiche. 


Scala, il paese più antico della Costiera Amalfitana, che diede i natali a fra' Gerardo Sasso, fondatore dell'Ordine dei Cavalieri di Malta; 


Tramonti, paese collinare della Costiera Amalfitana, immerso nel verde dei Monti Lattari, luogo ideale in cui fermarsi per apprezzare i sapori autentici della cucina contadina, tra boschi di castagni e terrazzamenti di vigneti secolari che producono vini corposi e forti (tintore).


Vietri sul Mare nota in tutto il mondo per la produzione di ceramiche artistiche dai colori vivi e solari e la sua frazione Albori che fa parte del club "I borghi più belli d'Italia".

 

Capri, altro gioiello del Golfo di Napoli, isola internazionale, regina della mondanità, con le sue coste alte e frastagliate e una stupenda vista su tutto il golfo più scenografico d’Italia è Capri, che a differenza delle vicine Ischia e Procida non è di origine vulcanica, ma di origine carsica. Isola rinomata in tutto il mondo, ricca di storia e cultura, ma anche sede di inestimabili bellezze naturali, come la famosissima Grotta Azzurra, in cui magici effetti luminosi sono stati da sempre descritti da moltissimi scrittori e poeti e i celebri Faraglioni che creano uno spettacolare effetto scenografico mozzafiato e senza eguali.

 

 

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
NEW